Discorso della Direttrice dei Corsi

33375895_2101289203479565_6291193444354228224_n.jpg

Intervento della Direttrice dei Corsi Angela Fedeli

Breve storia dell’Unitre di Spoleto

Benvenuti
oggi è un giorno di festa per noi per la nostra associazione che compie 35 anni e sono contenta di esserci e che ci siamo in tanti, sento l’euforia di chi 35 anni or sono si apprestava con entusiasmo e passione ad organizzarsi per far nascere anche a Spoleto una sede universitaria della terza età
Voglio condividere con voi molto brevemente i primi istanti della nascita della nostra Unitre….
1983……
Il Messaggero, Giovedì 1 Dicembre 1983
Anche a Spoleto è nata l’Università per gli “anziani” – Cento “matricole”, ma cresceranno ….
Tenuta a battesimo dai colleghi di Torino e Perugia, è nata l’Università della terza età di Spoleto. È questa la quarta iniziativa del genere, in ordine di tempo, che sorge nella nostra regione (Perugia, Assisi 1982, Città di Castello 1982, Spoleto1983), subito inseritasi con pieno successo annoverando, sin dalle prime battute, un considerevole numero di adesioni. Cento gli iscritti, fino ad oggi; fra qualche giorno inizieranno i corsi che riguardano principalmente il passato storico e monumentale di Spoleto. Inoltre un secondo corso è impostato sull’educazione sanitaria e motoria. il sindaco, l’arcivescovo Alberti, annoverato tra i promotori dell’iniziativa spoletina, e il prof. Monterosso, che ha coordinato le vari fasi di avvio della locale Uni-Tre. ----------------------------------------
Sfogliando i nomi dei promotori, dei simpatizzanti e dei primi iscritti Mario Monterosso Prof. di lettere
Aulo laudenzi Prof. di filosofia e preside dello Scientifico
Mario Barchi …….Preside del liceo classico
Guglielma pacifici, Prof. di Francese ed ha retto L’unitre dalla morte di Monterosso 1989 fino al 2006

Questi sono stati i pionieri di questa bella avventura

Passiamo agli anni 2006/2018
Che vedono Presidente prima Giovanni Clemente Presidente dal 2006 al 2012,
Attualmente presidente dal 2013 Carlo augusto dal Miglio e mia la direzione dei lavori

Inorgoglita per avere avuto in eredità un così bel bagaglio di cultura, attività, materiale umano timidamente misi il piede in questa realtà, come Direttrice dei Corsi.
Primo scopo quindi osservare conservare per poi mettere un nuovo impulso per andare avanti quindi operare modifiche migliorative, che dessero vivacità mordente alle nostre giornate
Dalle conferenze universalmente riconosciute importanti, abbiamo aggiunto altre attività grazie alla conoscenza con altre realtà diverse, laboratori e tante ma tante uscite nel territorio.
infatti ogni anno ho partecipato a Torino alle riunioni della nazionale che mi hanno portato a conoscere nuove realtà , nuove attività metodologie
Con l’aiuto del direttivo e soprattutto dell’allora segretaria Michèle organizzammo i primi laboratori, (2008) cercammo prima una sede ove poter stabilire la nostra sede amministrativa e laboratoriale,( qui devo ringraziare l’amministrazione precedente soprattutto nel sindaco di allora Brunini e la cristofori), che ci aiutarono in questo obiettivo) poi iniziammo altre attività. Sono nati laboratori, migliorando la qualità dell’Offerta formativa.
.
Dopo tre anni nel 2009 ho avuto l’onore della Coordinazione regionale, , c’è stato uno scambio di relatori, di esperienze molto importante e per 3 anni Infine ho avuto un incarico Consigliere nazionale è stato un vedere più dall’alto l’oggetto del nostro lavoro, Penso per concludere che questa associazione , pur trasformata nel tempo, sia molto importante per la nostra città, per i cittadini che possono usufruire di opportunità

Discorso per la fine dell’anno e del quinquennio
Quest’anno si festeggia il 35ennale della nostra Unitre, quindi qualche cenno agli ultimi 5 anni è doveroso (dal 2013/2014 al 2017/2018)
La nostra avventura ha un’età matura, è senz’altro nel pieno delle sue forze, al suo attivo, ogni anno 50 conferenze culturali che si avvicendano da ottobre a maggio, 8 uscite culturali a tema, spesso ripetute per accontentare 100 persone e Laboratori
Le Conferenze riscuotono molto successo e trattano di:
Storia, Storia di Spoleto, Storia dell’arte, Letteratura, Invito alla Lettura, Architettura, Archeologia, Geologia, Medicina come prevenzione di patologie, Psicologia, Lirica e tanti altri argomenti di Cultura Generale.
Gli associati vengono a lezione sempre con qualsiasi tempo, segno evidente che gli argomenti trattati interessano, e si rendono partecipi di un percorso di cultura, di formazione che ha una valenza sia dal punto di vista della socializzazione, ed è per i più un ricordare, un richiamare alla memoria, ma anche un imparare ascoltando. Trascorrere due pomeriggi fra amici e sentire argomenti di valore culturale e di grande interesse è di somma importanza. Quando si è cominciato a parlare di invecchiamento attivo e progetti, ho pensato che noi da anni lo avevamo attivato con i 50 incontri annuali, 8 uscite, e vari laboratori che coinvolgono 250 persone! Lo stare bene insieme facendo attività piacevoli, rallegra lo spirito, fa sentire vivi, lo stare insieme, (ad esempio, quest’anno siamo reduci da 6 gg di uscita culturale in Lombardia) tra bellezze ineguagliabili, che fanno sognare, tra amici, ridere, sorridere, parlare, scherzare, mangiare, ammirare, stupirsi danno il vigore come nella giovinezza, fa dimenticare i problemi e gli affanni del quotidiano. Il fare, l’immaginare, il progettare toglie dall’apatia. La cultura e la socializzazione hanno un ruolo importante nella nostra vita……..
Un grazie doveroso e sentito a tutti indistintamente i nostri Docenti
Franco Ivan Nucciarelli, Gustavo Cuccini, Agnese Benedetti, Maria Rutilia Coccetta, Maria Carla Spina, Patrizia Trivisonno, Rosella De Leonibus, Romano Cordella, Moreno Orazi. Maurizio Gallinaro, Paolo Angeli, Gregorio Pompili, Gianpaolo De Propris, Mario Coletti, Pietro Rindinella, Anna Rita Cosso, Luigi Rambotti, Adolfo Nobili, Antonio Laureti, Leopoldo Bartoli, Domenico Manna, Nicola Bruni, Silvio Corsetti, che si sono prodigati con entusiasmo e professionalità e soprattutto con il piacere di dare senza voler nulla in cambio. Il Docente, come dal nostro statuto, non percepisce denaro e questo è molto per noi che non potremmo altrimenti proseguire in questa attività.
Anche quest’anno nuovi docenti Luccioli Franco, Veronica Bellini, Luca Cagnazzo, Roberto Quirino, Turchetti Mariangela, si sono aggiunti ai relatori tradizionali, dando nuovo impulso ed energia al nostro programma già ricco ed accattivante. Alunni dello Scientifico, vincitori del premio Sordini per due giorni hanno fatto due lezioni su ricerche di Archivio, grazie alla prof.ssa Marina Malatino.
Una menzione d’onore meritano alcuni docenti del C. Direttivo e parlo di Laureti Antonio, Adolfo Nobili, Leopoldo Bartoli che sono cresciuti nel Direttivo ed hanno trovato un loro spazio dedicandosi a tutto campo a ciò che più gradivano : la ricerca in Archivio, hanno messo tutta la loro carica vitale a scrivere ricercare libri pagine di storia spoletina che ci fanno veramente onore. Un plauso a loro.

Le visite culturali
Per tornare sul tema delle visite, hanno riscosso e riscuotono molto successo, direi che sono il sale della vita, tanti luoghi meravigliosi vicini e lontani di cui non si conosceva per i più neanche l’esistenza, assistiti sempre da l tempo sereno e fatte tante foto come pro-memoria! Il Presidente poi ne fa dal lontano 2012 una descrizione dettagliata di ognuna che rimane a memoria sul sito dell’Unitre e sempre fruibile da chi è informatizzato!
Per parlare solo degli ultimi 5 anni….. e solo citandone qualcuna….
- Per 2 anni le Ville Nobiliari: Ville Umbre Fidelia, Fianchetti La Montesca”, Del Cardinale, Boccaione, Paolina, Genga, Faina, Villa biagiotti, Villa D’Est, Villa Adriana, Ville del Brenta, Ville Vesuviane.
- Per 2 anni Le Abbazie (Sant’Eutizio, Vallombrosa, Avellana, Farfa, Casamari, Sant’Antimo e san Galgano
- Quest’anno le Signorie: (Panicale, Alviano, Narni, Amelia, Trinci a Foligno, Capodacqua, Urbino, Tolentino, Città di Castello, San Leo (Rimini), Monteriggioni e San Gimignano.
- Oltre queste uscite a tema, altre in aggiunta palazzo del Quirinale, Barberini, Viaggio in Sicilia, Sardegna e quest’anno Mantova, Brescia Verona. Uscite per mostre, tipo la mostra di Sgarbi a Fabriano, Perugia ecc

- E’ stata ed è una bella avventura culturale, come dicevo, che riscuote ed ha sempre riscosso molto successo. Un ringraziamento infinito alla nostra guida per le uscite, un grazie doveroso e affettuoso ad Agostino Lucidi, preziosa guida, sempre presente, propositivo, operativo e professionalmente preparato. Senza di lui non avremmo conosciuto in questi 12 anni della mia direzione dei lavori tutti gli itinerari a tema che in tanti anni ha proposto: itinerari Francescani, Domenicani, Pievi, Rocche Albornoziane, Etruschi, ecc. Sono stati itinerari istruttivi, di approfondimento di problemi locali e su scala nazionale, di bellezze da scoprire, posti vicini di alto interesse storico, ma sconosciuti ai più. La nostra terra, il nostro territorio ora ci sembra più ricco, perché abbiamo visto da vicino tante emergenze, molto spesso inaccessibili al pubblico. Abbiamo percorso a tappeto la Valnerina, che è stata una vera e propria scoperta; noi, abituati da sempre a vedere e a pensare come opere d’arte solo quelle importanti, che sono nei grandi musei delle città d’arte, abbiamo scoperto dunque che c’è anche dell’altro, altrettanto importante e pregnante per interesse storico, etnografico, umano, nei secoli.

- Laboratori
- Ci sono stati i laboratori di Inglese, con Rosaria Andreini, Nutrizionismo con Maria Rutilia Coccetta, Storia delle Religioni con Valerio Castella, Archivio con Leopoldo Bartoli e Adolfo Nobili, L’Unitre che cammina con Laureti Antonio, che egualmente hanno riscosso successo.
- A proposito di quest’ultimo laboratorio, quest’anno da aggiungere come nuovo, in primavera un’uscita settimanale nel territorio per godere delle nostre bellezze ed emergenze sia naturali che artistiche, ed il merito di quest’ultima iniziativa è del nostro associato Antonio Laureti, novità che coinvolge in media 30 persone.
- Per concludere posso dire che sono stati 5 anni ricchi di attività di operosità ma anche di problemi….il terremoto! A causa di questo tra il 2017 e il 2018 c’è stato ancora il cambio di 2 sedi sede, che è semplice a dirsi, ma meno semplice da farsi. Siamo passati dal liceo Scientifico, a Villa Redenta, quindi all’Archivio, nostra sede definitiva speriamo!!!
-
- Un grazie a tutti ai nostri Docenti al Consiglio Direttivo, ai nostri soci, che ci hanno incoraggiato a continuare con la loro calda e rassicurante presenza, per farci sicuri che la strada intrapresa era quella giusta.
- Angela Fedeli
-
-

Powered by Drupal - Design by Artinet